BREVE STORIA (IN PARTE TRISTE) DI DUE INTERVENTI 110%

L’UNICA DOMANDA DA PORSI QUANDO SI VUOLE REALIZZARE UN IMPIANTO FOTOVOLTAICO
23 Gennaio 2024
CONSULENTE VS PROFESSIONISTA
15 Febbraio 2024

Oggi voglio riportarvi una situazione emblematica di cosa può succedere affidandosi a ditte, diciamo spregiudicate, per non dire altro.

L’altro giorno mi chiama un mio cliente a cui io ho fatto degli interventi con il 110% e mi chiede di fare un sopralluogo a casa della sorella in quanto ha problemi con gli impianti che sono stati realizzati da un’altra ditta, sempre con il 110%

Per farvi un ‘idea, immaginate due ville adiacenti, perfettamente uguali.

Vi riassumo gli interventi realizzati da noi presso il nostro cliente:

  • Pompa di calore full Electric da 12 kW su impianto a pavimento in sostituzione di una caldaia a condensazione
  • Impianto fotovoltaico da 6kWp
  • Sistema di accumulo da 15 kWh

Con tali interventi la spesa energetica annuale del mio cliente si è ridotta a 500€/anno di sola energia elettrica (abbiamo eliminato il gas dall’abitazione) ovvero con poco + di 40€/mese il mio cliente si riscalda e gestisce tutte le utenze della casa. Infatti è molto contento del risultato ottenuto.

Presso la sorella invece sono stati realizzati i seguenti interventi:

  • Pompa di calore full Electric da 16 kW sempre in sostituzione di una caldaia a condensazione
  • Impianto fotovoltaico da 9 kWp
  • Sistema di accumulo da 38 kWh

Quanto pensate che sia l’ammontare delle bollette che la sorella sta pagando?

Considerando che ha più pannelli e più accumulo, uno si aspetterebbe una bolletta più bassa di quella del mio cliente ma in realtà solo le bollette dei mesi invernali sono state più di 4.000€!! In pratica la sola bolletta di energia elettrica annuale è maggiore delle bollette di luce e gas dell’anno precedente.

Vi rendete conto: dopo aver fatto un intervento di circa 70.000€ la sorella del mio cliente spende più di prima.

Come è possibile che accadano cose del genere? Semplice.. accadono quando la ditta installatrice pensa più ai suoi interessi che a quelli del cliente.

Vi spiego meglio:

  • La pompa di calore installata è più grande del necessario ed in più è stata settata male.
  • Il fotovoltaico, sebbene più potente di quello fatto da noi, produce meno perché per aumentare al massimo la potenza dell’impianto, a parità di spazio, si sono messi i pannelli aderenti alla falda di un tetto piano mentre noi li abbiamo posizionati a 30° massimizzando la produzione.
  • Il sistema di accumulo è stato iper dimensionato senza pensare al fatto che le batterie non si sarebbero mai potute ricaricare completamente.

La frittata perfetta!

Chiaramente l’installatore che ha realizzato gli impianti presso la casa della sorella del mio cliente ha guadagnato molto di più rispetto a me a totale disprezzo delle vere necessità della sua cliente!!

Mentre al cliente cosa gliene è venuto? Solo mal di testa e costi delle bollette alte quanto prima dell’intervento.

Meditate gente, meditate.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *