ECO BONUS 110%: di cosa si tratta ?

Le 3 cose che devi sapere prima di installare un impianto fotovoltaico per evitare di cadere nelle mani del primo truffatore!
28 Novembre 2017
ECOBONUS 110% FACCIAMO ATTENZIONE!
6 Luglio 2020

Voglio fare un po’ di chiarezza in merito al decreto “RINASCITA” sull’ ECOBONUS CASA 110% appena uscito.

L’ho studiato a fondo devo dire che è veramente ottimo nel senso che effettivamente potrà far ripartire tutto il settore dell’edilizia nella direzione giusta, del risparmio energetico e del recupero e riqualificazione del patrimonio edilizio esistente.
Per una volta devo dire chapeau al governo ed al ministro Fraccaro che ha fortemente voluto questo provvedimento.

Devo dire che su internet già si è scatenata la gara a chi la spara più grossa, quindi occhio ai soliti furbi e cervello acceso!


Iniziamo con i chiarimenti
Periodo di applicazione: La detrazione si applica alle spese documentate rimaste a carico del contribuente sostenute dal 1 luglio 2020 e fino al 31 dicembre 2021.

Chi ha diritto all’ Ecobonus?
Possono accedere al super bonus del 110% tutti i privati soggetti Irpef, che effettueranno gli interventi sulla abitazione principale, quindi sono escluse le aziende e gli interventi sulle seconde case salvo che queste non siano in un condominio e che il condominio effettui le opere.
Quindi in sostanza bisogna essere soggetti IRPEF, avere della capienza fiscale per poter scalare poi nei prossimi 5 anni le rate dell’importo dei lavori.

Cessione del credito ECOBONUS
Se si è incapienti, è possibile cedere questo credito fiscale all’impresa, che a sua volta può cederlo ad una banca in maniera che il cliente possa avere l’intera somma scontata in fattura e quindi non anticipare niente.

Vi dico subito che questa è la parte più controversa che dovrà essere senz’altro chiarita dai regolamenti attuativi che usciranno entro 30 giorni da oggi, data di pubblicazione del decreto sulla gazzetta ufficiale.
Chiaramente affidarsi ad un’azienda come la mia che è in grado di eseguire tutti gli interventi chiavi in mano è senz’altro una semplificazione e una garanzia di ridurre tempi e passaggi.

Noi siamo in grado di progettare e realizzare impianti chiavi in mano che rientrano tutti nel contributo del 110%:

· Impianti fotovoltaici

· Sistemi di accumulo

· Pompe di calore a bassa temperatura per impianti a pavimento e ad alta temperatura per impianti con termosifoni

· Colonnine di ricarica per veicoli elettrici


Una cosa molto importante è che ora presi dall’euforia l’unica cosa che interessa è non tirare fuori soldi e realizzare qualsiasi cosa con qualsiasi prodotto!
Noi rimaniamo sempre sulla stessa linea: prima sopralluogo tecnico per capire cosa serve di più al cliente e dopo si parla di soldi e di pratiche amministrative!


Aumento della classe energetica

Per l’ottenimento del 110% occorre inoltre asseverare che la casa, a fronte dell’intervento effettuato, abbia un aumento di ben due classi energetiche.
A me questa opzione non può che farmi piacere perché esclude in un sol colpo tutti i ciarlatani e venditori di fumo che promettono risultati strabilianti senza nemmeno fare un sopralluogo tecnico.
Per noi è il nostro modus operandi normale.


Che tipo di impianti hanno diritto al 110% ?

Tralascio qui tutti gli interventi di coibentazione degli edifici, quali cappotti isolamenti termici, sostituzione infissi o adeguamenti sismici e voglio concentrarmi sugli impianti più di mia competenza.

L’impianto su cui devi porre la tua attenzione è:Pompa di calore + impianto fotovoltaico + sistema di accumulo + colonnina di ricarica

In questo modo otterrai i seguenti benefici:

– Casa energeticamente indipendente, nel senso che sarete in grado di produrre e accumulare tutta l’energia di cui si ha bisogno
– Eliminazione del gas dalla vostra abitazione
– Bollette bassissime
– Possibilità di ricaricare veicoli elettrici

Così facendo ti ritroverai una casa ad impatto ecologico pari a zero e con costi energetici che non hai mai neppure immaginato!
Ed è questa la direzione verso cui bisogna andare!

Chiaramente ci saranno delle situazioni intermedie in cui già si possiede un impianto fotovoltaico o una pompa di calore, vediamo alcuni esempi:

– Se hai già un impianto fotovoltaico puoi tranquillamente aggiungere un sistema di accumulo e una pompa di calore e su questi interventi potrai sempre beneficiare del 110%.

– Se invece hai un impianto fotovoltaico e vuoi aggiungere solo un sistema di accumulo dovrai accontentarti della vecchia detrazione del 50% in 10 anni con la miglioria della cessione del credito e ricevere quindi immediatamente dello sconto in fattura del 50%

– Allo stesso modo se hai già una pompa di calore e vuoi aggiungere un fotovoltaico con sistema di accumulo anche in questo caso dovrai accontentarti della vecchia detrazione del 50% in 10 anni con la miglioria della cessione del credito e ricevere quindi immediatamente dello sconto in fattura del 50%

Spero di aver chiarito abbastanza il quadro generale del provvedimento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *